Greenrail, la Startup Italiana che ha Chiuso un Accordo da 75 Milioni negli USA

0 684

Dopo l’esperienza diretta nel settore ferroviario, Giovanni Maria De Lisi fonda Greenrail – startup innovativa che ha concretizzato l’idea di creare una traversa ferroviaria ecosostenibile. Alla base, materiali da riciclo: pneumatici fuori uso (PFU) e plastica da rifiuto urbano.

La scalata al successo
Fin dal principio, l’obiettivo di Greenrail è stato quello di diventare top player del settore ferroviario, distinguendosi dai competitor per l’attenzione all’ambiente e ai princìpi della circular economy. Il progetto è stato sviluppato all’interno di Polihub, l’incubatore del Politecnico di Milano che supporta startup altamente innovative; nel 2014 ha vinto due importanti premi, il San Paolo Startup Initiative e il premio Edison Start – aggiudicandosi 100mila euro. Nel 2015 Fabio Cannavale, imprenditore di successo (ha fondato eDreams e VolaGratis) ha proposto a Giovanni Maria De Lisi di cedere il 20% di Greenrail per un milione di euro. L’offerta è stata rifiutata.

Un accordo da 75 milioni di dollari in USA
Arriviamo quindi al 2017, anno che segna la svolta per Greenrail: vince il titolo di Startup dell’anno e conclude un accordo da 75 milioni di dollari con Safepower1 – società americana nata dall’intuito di imprenditori e investitori statunitensi – per la commercializzazione dei prodotti Greenrail in 5 Stati: Minnesota, Michigan, Indiana, Illinois, Missouri e Wiscosin. Oggetto dell’accordo sono la concessione della licenza di brevetto e marchio, la fornitura degli impianti e il trasferimento delle competenze acquisite.

Ha commentato Giovanni Maria De Lisi: “Dagli investitori sentivo dire spesso di noi ‘bella azienda, ma non fatturano’. E in effetti abbiamo a lungo sofferto per finanziare la nostra ricerca. Adesso si cambia decisamente passo e le stime che abbiamo fatto per il contratto USA sono persino prudenziali: i compratori hanno già trattative aperte per 1800 miglia di rete”.

Comments
Loading...