Starbucks a Milano e con Nestlè Firma Accordo da 7 Miliardi

981

È ormai ufficiale: a settembre arriva Starbucks a Milano, la catena di caffetterie fondata da Howard Schultz all’inizio degli anni ’70 – e che oggi conta oltre 28mila negozi in tutto il mondo. E a darne notizia è stato proprio il suo fondatore, il quale – durante la fiera Seeds & Chips – ha dichiarato: “non veniamo in Italia per insegnare agli italiani come si fa il caffè, ma con umiltà e rispetto”.

Starbucks a Milano
Starbucks aprirà a Milano, nell’ex Palazzo delle Poste, e si caratterizzerà per l’offerta di servizi ulteriori – rispetto a quelli tradizionalmente offerti dal brand americano. 150 i dipendenti che la catena intende assumere per il suo esordio nella penisola.
A guidare Starbucks nel suo ingresso in Italia, il Gruppo Percassi: tra i brand che gestisce troviamo Kiko, Atalanta Calcio, Victoria’s Secret, Lego, Nike. Le parole di Antonio Percassi, secondo cui Starbucks potrebbe aprire fino a 300 negozi in Italia nei prossimi 5 anni, hanno suscitato curiosità in alcuni, preoccupazione in altri.

L’accordo con Nestlè
Oltre 7 miliardi di dollari: è quanto ha pagato Nestlè per i diritti alla vendita del caffè di Starbucks al di fuori dei negozi. Ciò che otterrebbe la multinazionale svizzera, secondo le stime, è un ritorno pari a 2 miliardi all’anno – ancora lontani dal profitto generato da Nespresso e Nescafè (rispettivamente, 5 e 10 miliardi all’anno), ma che rappresentano certamente un ottimo punto di partenza per Nestlè, intenzionata ad affermarsi con ancora maggior forza nel mercato USA.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.