Inflazione Area Euro: l’Analisi di XTB

1.027

A cura di XTB

L’inflazione nell’Eurozona aumenta oltre le previsioni; EURUSD superiore a 1,17
I dati più recenti relativi all’inflazione dell’area euro hanno mostrato un aumento importante, con la lettura Y / Y che sale al livello più alto dallo scorso aprile. La stima flash CPI si attesta all’1,9% rispetto all’1,6% previsto, segnando un incremento rilevante rispetto all’1,2% osservato in precedenza. Una buona parte di tale rialzo potrebbe essere attribuita all’aumento del prezzo del petrolio, ma le pressioni sui prezzi sottostanti sembrano esser spinte da una lettura di base dell’1,1% – rispetto all’1,0% previsto e allo 0,7% precedente.

L’inflazione nell’area euro ha registrato un brusco aumento nell’ultimo mese ed è vicina al suo livello più alto da anni. Fonte: xStation

Lo scambio di ieri del cross EUR / USD ha visto un possibile segnale di inversione, con un ritracciamento rialzista sul grafico giornaliero, con gli investitori che hanno difeso con successo il livello chiave a lungo termine intorno all’1.15. Se questo reggerà, allora il mercato potrebbe cercare di recuperare parte del calo registrato nell’ultimo mese.

Se il minimo di mercoledì fosse confermato intorno a 1,15, allora i ritracciamenti di Fibonacci potrebbero offrire possibili livelli di resistenza con il 23,6%  a 1,1756. Fonte: xStation

 

Il DE30, l’indice tedesco, è un altro mercato potenzialmente sensibile all’inflazione dell’area euro e alla politica della BCE: infatti, questa mattina si è registrata una certa debolezza nell’indice azionario tedesco. Ieri il DE30 ha registrato un forte guadagno ma, dopo essere tornato al centro della Bollinger Band su H4, il mercato potrebbe ora essere di nuovo ribassista.

DE30.cash è tornato al centro della banda di Bollinger su H4 dopo essere rimbalzato dal limite inferiore. Fonte: xStation

Per aprire gratuitamente un conto demo con XTB, clicca qui

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.