Fastweb: Disabile Umiliata e Derisa in un Negozio a Milano

Photo Credit:

0 1.048

A raccontare la vicenda è la stessa protagonista, Ilaria Ettorre, su Linkedin. Ilaria è nata con una sordità bilaterale di gravissima entità e si era recata presso il centro Fastweb di Milano in Corso Buenos Aires, insieme alla sua accompagnatrice. Con tanto di certificato L.104 alla mano e nonostante avesse fatto presente che, dato l’obbligo di mascherina, non le era possibile leggere il labiale, ad Ilaria è stato impedito l’accesso al locale commerciale.

Ancor più grave, lo steward che controllava gli ingressi al negozio Fastweb l’ha derisa dicendo: “Se ti faccio due segni, tu capisci lo stesso”. Parole forti, che hanno portato Ilaria a scrivere sul suo profilo Linkedin:

Oggi è stata forse la prima volta in cui mi sono vergognata di essere sorda, disabile.

Immediato il commento al post di Luca Mastropaolo, Chief Consumer Officer di Fastweb, che ha scritto: “Ieri qualcosa è andato molto storto”.

Poco dopo è arrivato il commento del CEO di Fastweb, Alberto Calcagno, il quale ha affermato: “Nei prossimi giorni avvieremo un programma di sensibilizzazione, per creare al nostro interno e nelle relazioni con i clienti un contesto in cui le persone possano esprimere con orgoglio la propria unicità”.

E dunque, siamo nel 2021 e Fastweb finalmente avvierà un programma di sensibilizzazione… nei prossimi giorni. Della serie: prima calpestiamo la dignità delle persone e poi vediamo il da farsi. Lo slogan di Fastweb è “Un passo avanti”, ma ci sembra che l’azienda ne abbia fatti mille indietro.

Il post di Ilaria Ettorre ha avuto oltre 18mila reazioni e 1.600 commenti su Linkedin.

Ad Ilaria tutta la nostra solidarietà, con l’auspicio che Fastweb faccia qualcosa di concreto per creare quel clima di inclusione che, chiaramente, al momento manca.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.