GASGAS Viaggia Spedito su CrowdFundMe

0 1.430

Più di 300 punti di ricarica elettrica, da Nord a Sud, entro fine anno e 1.500 per il 2025, il 50% in più rispetto ai vecchi piani che ne prevedevano mille. Sono questi gli obiettivi, rivisti fortemente al rialzo, di GASGAS, che nei primi cinque giorni della sua seconda campagna di crowdfunding su CrowdFundMe S.p.A. – piattaforma di Crowdinvesting (Equity Crowdfunding, Real Estate Crowdfunding e Private Debt) quotata su Euronext Growth Milan (“CrowdFundMe”)- ha raccolto oltre 550mila euro, superando l’obiettivo iniziale di 400mila e viaggiando spedito verso quota 1 milione e oltre.

Questo grazie al sostegno ottenuto da investitori professionali e importanti imprenditori lombardi, prevalentemente dei rami elettromeccanico, design e arredo che hanno fatto ingresso
nel capitale della PMI innovativa.

GASGAS – progetto di Seed Money, tra i primi acceleratori e incubatori privati di startup in Italia – è uno dei più promettenti gestori indipendenti di reti di sistemi di ricarica per veicoli elettrici, nel nostro Paese e in Europa, che basa la sua offerta sul posizionamento di colonnine in prossimità di punti di interesse per chi è in sosta di ricarica (palestre, ristoranti, centri commerciali, stazioni), sulla manutenzione continua delle apparecchiature e su elevati standard di assistenza, per aumentare il livello di fiducia e soddisfazione del cliente. Dallo scorso anno a oggi, GASGAS ha superato i 250 punti di ricarica, centrando di fatto, con oltre sei mesi di anticipo, gli obiettivi di budget dell’anno.

Risultati raggiunti anche grazie alla prima campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe (nel 2021) e a un aumento di capitale che gli hanno consentito di raccogliere, nel secondo semestre 2021, oltre 700mila euro, poi destinati allo sviluppo della presenza delle colonnine sul territorio nazionale. Sempre nel 2021, GASGAS ha acquisito Easycharge, operatore di mobilità elettrica molto attivo nel Nord-Ovest, portando a termine una delle prime operazioni di M&A in Italia tra realtà indipendenti. Ha, inoltre, siglato, un accordo con Nextcharge, la prima app in Italia per numero di stazioni interoperabili e utenti iscritti, attivato partnership con alcuni dei principali protagonisti della filiera energetica, tra cui Baywa.re, Ingeteam e Circontrol ed è divenuto fornitore di colossi commerciali, come Doppio Malto, Old Wild West, Trenord, PAM, Despar.

“Colonnine di ricarica posizionate solo dove serve, e sempre funzionanti” dichiara Alessandro Vigilanti, CEO di GASGAS. “Questi i punti di forza del marchio GASGAS, che oggi è diventato una garanzia non solo per gli e-driver, ma anche per i proprietari delle aree che si affidano a noi per l’installazione di una stazione di ricarica”.

Con grande lungimiranza e spirito di intuizione, GASGAS si è mosso nel mondo della mobilità elettrica un anno e mezzo prima l’annuncio del provvedimento del Parlamento Europeo (giugno 2022) che pone uno stop alla vendita di auto a combustibile fossile entro il 2035. Il mercato dei veicoli elettrici è in forte ascesa: nel 2021 sono state immatricolate 67.255 auto BEV (soltanto elettriche), +107% rispetto al 2020 e 69.499 auto PHEV (ibride plug-in), +152,7% rispetto al 2020 (Fonte: Motus-E) e lo sarà sempre di più.

“Siamo nel pieno di una cambiamento epocale”, ricorda Stefania Menguzzato, General Manager di GASGAS ” che sta rivoluzionando il nostro modo di vivere nel segno della sostenibilità: il crowdfunding offre a tutti la possibilità di cogliere l’opportunità e unirsi a noi al momento giusto”.

I fondi raccolti nella campagna di equity crowdfunding di GASGAS su CrowdFundMe, che si concluderà entro la fine dell’estate, saranno, principalmente, impiegati sue due fronti: attività di sviluppo della rete gestita in Italia e ulteriore rafforzamento del team, in termini di sviluppo (progettazione e capacità commerciale), installazione (project manager e amministrazione) e gestione della rete (assistenza clienti, manutenzione). Grazie allo status di PMI Innovativa, gli investitori in GASGAS potranno godere di specifiche detrazioni fiscali.

Leave A Reply

Your email address will not be published.